Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Accedendo ad un qualunque elemento sottostante questo banner o cliccando su "OK" per chiuderlo, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Cookie Policy".Cookie Policy

Menù delle pagine principali

Pagina principale

Torna alla ricerca
Anno: 1897
Biografia di Giobatta Graziussi titele
Biografia di Giobatta Graziussi titele

In sei partecipazioni altrettante bandiere conquistate, con due primi, due secondi e due quarti posti: è senza dubbio invidiabile lo score di Giobatta Graziussi Titele alla Regata storica, nonostante partecipi per la prima volta alla gara in Canal Grande solo nel 1897, quando ha già 35 anni. Suo compagno è Strubolo, con cui formerà una delle coppie più caratteristiche (vista la stazza di entrambi) e più forti del decennio a cavallo tra il diciannovesimo ed il ventesimo secolo. All’esordio i due giungono al quarto posto, mentre nel 1899 sono secondi, dietro a Civili e Panetti, che ricorrono a tutte le astuzie per non farsi superare nel rush finale. La vittoria arriva nel 1901: è anzi un trionfo, visto che Strubolo e Titele giungono al traguardo con ben 10 barche di vantaggio sui secondi. Il successo viene replicato nel 1904, mentre invece l’anno successivo le condizioni atmosferiche, penalizzano la coppia, che all’arrivo sarà solo quarta. Strubolo si ritira, mentre Titele diventa una sorta di maestro per il giovane Giambara, con cui partecipa alla Regata del 1912, quando ormai ha già 50 anni, giungendo secondo.

Titele, nel corso della carriera, ha conquistato anche varie bandiere nella Regata di Murano ad un remo ed una ventina in regate minori. Viene ricordato anche per la sua forza leggendaria. Si narra che un giorno, venuto a diverbio con uno scaricatore di farina scommise che avrebbe portato un sacco di farina del peso di un quintale, senza sporcarsi la sua divisa da gondoliere, dalla riva del Danieli ad un panificio in Calle delle Rasse, cosa che puntualmente poi fece. Racconta invece Gino Bertolini nel suo libro ‘Italia’: “Titele solleva, quando vuole, una botte che, piena di vino, pesa dieci quintali: il male è che, quella botte, poi si mette giù…”



Fonte: Umberto Zane

Menù delle pagine secondarie

Comune di Venezia - Ufficio Stampa

Sponsor

Venezia Unica - tutta l'offerta di Venezia acquistabile online
Venezia UnicaLa Regata Storica è partner della campagna #EnjoyRespectVenezia
Progetto Promovenezia S.c.p.a. con il contributo della legge Regionale 33/2002
Logo Veneto Tra la terra e il cielo