Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Accedendo ad un qualunque elemento sottostante questo banner o cliccando su "OK" per chiuderlo, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Cookie Policy".Cookie Policy

Menù delle pagine principali

Pagina principale

Torna alla ricerca
Anno: 1927
Biografia di Pietro Penso scuciareto
Biografia di Pietro Penso scuciareto

Una vittoria all’esordio in Canal Grande, nel 1927, in coppia col celeberrimo cugino Scuciaro, ed un soprannome affibiatogli che deriva sempre da quello di lui. Per Pietro Penso Scuciareto l’entrata nel mondo della voga, ad appena vent’anni, seppur col botto, poteva rivelarsi devastante, dovendo fare i conti con una parentela “pesante”, come quella con Scuciaro. 

Proprio per dimostrare di essere bravo e di aver vinto non solo perché ha corso con lui, Scuciareto lascia così l’ala protettrice del cugino, e inaugura un sodalizio, che durerà più di 10 anni, con Natale Nordio Brassicurti. 

La coppia, ritenuta troppo giovane ed inesperta, nonostante i buoni risultati conseguiti in altre regate, deve attendere però ben 3 anni prima di essere ammessa in Canal Grande.

L’esordio di Scuciareto e Brassicurti alla Storica avviene infatti solo nel 1930, con un promettente quarto posto, dietro a mostri sacri del calibro di Pippa, Verzotto, i due Crea. L’anno successivo arriva la consacrazione della coppia, prima sul traguardo davanti a Verzotto-Ciuci. Nel 1932 Scuciareto e Brassicurti non partecipano alla gara, tornando, e vincendo, però, nel 1933. I due sono così i logici favoriti anche dell’edizione del 1934, ma vengono invece battuti sul traguardo sia da Saran-Scuciaro che da Crea-Crea II. Delusione ancora più grossa nel 1935, con un clamoroso, ed inspiegabile, ottavo ed ultimo posto. Nel 1936 arriva però l’attesa rivincita: senza più la pressione di essere l’equipaggio da battere, Scuciareto e Brassicurti tornano alla vittoria dopo uno splendido testa a testa con Verzotto-Lupo e Acquastanca-Ciuci. Nella regata successiva c’è però un nuovo tracollo, con un settimo posto finale molto deludente. Nel 1938 arriva una nuova,  ultima grande impresa: Scuciareto, in polemica con i giudici, ha già annunciato il suo ritiro, non prima, però, di aver vinto la Regata Storica. Detto e fatto: per la coppia è il quarto trionfo in 8 partecipazioni. Scuciareto lascia la voga ad appena 31 anni, e anche l’inseparabile compagno Brassicurti, a questo punto, si ritira. Per Scuciareto il bilancio finale in Canal Grande parla di 5 vittorie, un terzo ed un quarto posto in 9 partecipazioni.



Fonte: Umberto Zane

Menù delle pagine secondarie

Comune di Venezia - Ufficio Stampa

Sponsor

Venezia Unica - tutta l'offerta di Venezia acquistabile online
Venezia UnicaLa Regata Storica è partner della campagna #EnjoyRespectVenezia
Progetto Promovenezia S.c.p.a. con il contributo della legge Regionale 33/2002
Logo Veneto Tra la terra e il cielo