Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Accedendo ad un qualunque elemento sottostante questo banner o cliccando su "OK" per chiuderlo, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Cookie Policy".Cookie Policy

Menù delle pagine principali

Pagina principale

Torna alla ricerca
Anno: 1924
Cronaca 1924
14 settembre 1924


C’è grande attesa per il ritorno in gara in Canal Grande del gigantesco Scuciaro, per tanti anni imbattibile nella Regata ad un remo di Murano, che si ripresenta addirittura con Bepi Barugolo con cui aveva vinto l’edizione del 1912. Sulla carta suoi grandi avversari sono i campioni in carica Marieto e Maddalena, mentre gode anche di molti favori, da parte degli appassionati, l’affidabile Giuseppe Valesin Nessa, in coppia col giovane, ma già molto considerato, Verzotto. Come spesso accade, però, la gara riserva più di qualche sorpresa. Al via scattano infatti in testa il viola di Crea e Crea II e l’arancio di Nessa e Verzotto, che entrano in quest’ordine in Canal Grande, mentre Barugolo e Scuciaro sono solo quinti, penalizzati dalla scelta di seguire la rotta sotto riva, al contrario delle altre 8 imbarcazioni. Ancora più indietro i campioni uscenti, Marieto e Maddalena, appena settimi, che riescono comunque a guadagnare una posizione davanti a Ca’ Farsetti, superando Furlan e Grebani. Al giro del paleto Nessa e Verzotto tentano un attacco al viola, girando radente il palo, senza però riuscire a superarlo. Nella lotta per il terzo posto Baleti e Cioci vengono investiti da D’Este e Forcellini: D’Este cade in acqua ed è costretto a ritirarsi. Ne approfittano così Bepi e Scuciaro per superare entrambi ed aggiudicarsi un terzo posto comunque al di sotto delle attese. Davanti un nuovo attacco di Nessa e Verzotto viene rintuzzato da Crea e Crea II, che così riescono a vincere, all’esordio, la regata. L’ultima bandiera è appannaggio di Baleti e Cioci. Solo quinti Marieto e Maddalena, come era già accaduto nel 1922, ovvero nell’edizione a cavallo tra i loro due successi. Agli ultimi, Caenazzo e Dale Fritole, va, per consolazione, un’oca.



Fonte: Umberto Zane

Menù delle pagine secondarie

Comune di Venezia - Ufficio Stampa

Sponsor

Venezia Unica - tutta l'offerta di Venezia acquistabile online
Venezia UnicaLa Regata Storica è partner della campagna #EnjoyRespectVenezia
Progetto Promovenezia S.c.p.a. con il contributo della legge Regionale 33/2002
Logo Veneto Tra la terra e il cielo