Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Accedendo ad un qualunque elemento sottostante questo banner o cliccando su "OK" per chiuderlo, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Cookie Policy".Cookie Policy

Menù delle pagine principali

Pagina principale

Notizie

Visita Ateneo Veneto con la guida di Giorgio Crovato e Marina Niero

Scritto il 31-08-2020 alle 16:20:49

+++ POSTI ESAURITI +++

Aspettando la regata Storica, sabato 5 settembre

 

Terzo anno di aspettando la regata. L'anno scorso abbiamo qui invitato i vecchi campioni del remo e li abbiamo premiati come benemeriti della voga veneziana, con uno speciale diploma. Due anni fa, per la stessa occasione, abbiamo proposto le musiche e le barcarole che un giovanissimo Gioacchino Rossini aveva composto qui a Venezia per la famosa regata in Canalazzo.

Attività accademiche. Il nostro Istituto, seppur con qualche cautela (mascherine e distanziamento) ha ripreso la propria attività “in presenza”. Durante questi mesi l'Istituto ha comunque operato anche  “in distanza” con you tube, riproponendo tra l'altro il ciclo di lezioni del prof. Mario Isnenghi sulla Grande Guerra.

Stasera. Non potevamo mancare a questo appuntamento, alla vigilia della festa dove la città d'acqua celebra se stessa, la Regata Storica. Per i nostri ospiti proponiamo quest'anno una visita alle opere d'arte qui custodite, con la collaborazione di Marina Niero.

 

Breve premessa storica. Questo edificio costruito tra 500 e 600, per la Scuola di San Fantin, attiva fin dal Trecento, ospita da oltre due secoli una delle più antiche istituzioni culturali veneziane. L'Ateneo Veneto nasce infatti nel 1812, in epoca napoleonica, sulle ceneri di alcune Accademie veneziane (di Medicina e di Letterati) chiuse, come tutte le Scuole veneziane (Grandi e Piccole, di devozione, di mestiere, corporazioni di arti e mestieri, di associazioni di città e di nazioni, di comunità parrocchiali) alla fine della millenaria esperienza repubblicana. Sono centinaia le scuole veneziane e se ne trova ancora traccia in tanti edifici della città sia isole sia terraferma. Entrando più nel dettaglio la Scuola di San Fantin era una delle 9 Scuole Grandi di Venezia. “Grandi” per l'architettura degli edifici, per le opere d'arte custodite, per l'importanza del loro ruolo sociale, per la ricchezza e per il patrimonio accumulato, e per la qualifica “ufficiale” assegnata loro dal potente Consiglio dei Dieci. La Scuola di San Fantin si occupava in particolare di assistenza ai condannati alla pena capitale, estendendo la carità ai familiari.

Alcune delle Scuole Grandi hanno ritrovato anche dopo la fine della Serenissima una loro precisa destinazione che continua con successo anche oggigiorno: San Teodoro (la più antica), San Rocco, San Giovanni Evangelista, Carmini. Altre monumentali sedi di Scuole hanno trovato nuove destinazioni “pubbliche”: Santa Maria della Carità la pinacoteca dell'Accademia, San Marco l'ospedale civile, la Misericordia una palestra. Santa Maria del Rosario è stata compresa nella basilica di San Giovanni e Paolo.

Se la dr.ssa Niero vi parlerà adesso delle opere d'arte io vi accennerò rapidamente ad alcune opere portate via da qua e che potete vedere nella vicina basilica di San Giovanni e Paolo (la statua di San Girolamo e l'altare nero, senza il crocefisso...- legame con la basilica di San Giovanni e Paolo...) Altre invece sono state importate da chiese soppresse all'inizio dell'800 (Tommaso Rangone, dalla chiesa di San Geminano e i Massa dal San Domenico di Castello).

 

Soci “storici” e la regata. L'Ateneo Veneto, attraverso i propri soci, è per statuto impegnato a diffondere la cultura attraverso conferenze, servizi di biblioteca e archivi, ecc. con uno stile che l'ha caratterizzata fin dall'origine: porte aperte a tutti.

Per restare in argomento di regate e di attenzione alla particolare tradizione sportiva e non solo ci piace qui ricordare:

Giustina Renier Michiel (intellettuale, candidata socia 1829, ma...). Origine delle feste veneziane

Demetrio Busoni (socio 1861, S.A. 1866, Presidente 1876). Presiede la fondazione della Reyer...amico di Pietro Gallo e di Costantino Reyer... Bucintoro, FGI, ecc.

Antonio Fradeletto (socio 1883, S.A. 1886) nel 1895 I° Biennale, dove è segterario e Riccardo Selvatico ((socio 1882) è presidente...corte in Canal Grande e regata...

Giuseppe Volpi (socio 1931). Vero innovatore sul''organizzazione della regata Storica...anni Venti

 

VISITA ALLE OPERE D'ARTE – MARINA NIERO

Infine la visita guidata alle sale della sede monumentale vuole essere un segnale di riapertura alle attività dell’Ateneo dopo il lungo periodo di chiusura e un invito alla cittadinanza a frequentarle con rinnovato affetto.



Venezia UnicaLa Regata Storica è partner della campagna #EnjoyRespectVenezia
Progetto Promovenezia S.c.p.a. con il contributo della legge Regionale 33/2002
Logo Veneto Tra la terra e il cielo