Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Accedendo ad un qualunque elemento sottostante questo banner o cliccando su "OK" per chiuderlo, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su "Cookie Policy".Cookie Policy

Menù delle pagine principali

Pagina principale

Torna alla ricerca
Anno: 1925
Biografia di Luigi Scarpa panetti
Biografia di Luigi Scarpa panettiUn campione a 360 gradi, in grado di vincere non solo in coppia, ma anche da solo, come testimoniano i due prestigiosi successi ottenuti alla Regata di Murano nel 1924 e nel 1928. Il nome di Luigi Scarpa Panetti, giudecchino, classe 1897, però, in Canal Grande, è legato indissolubilmente a quello, omonimo, di suo cugino, Luigi Scarpa Saran, con cui, in cinque anni, ottiene ben quattro primi ed un terzo posto. Il loro esordio, ventottenni, alla Regata Fascista del 1925, lascia subito il segno: è un primo posto, macchiato però dalle polemiche per la squalifica di Pippa e Verzotto, sino a quel momento in testa. Ne seguirà una sorta di sfida riparatrice, qualche giorno dopo, sulla distanza di 8 km, con Pippa e Verzotto, primi di un niente sui due cugini giudecchini. La vera rivincita è attesa però in Canal Grande, l’anno successivo, e qui Saran e Panetti si dimostrano i più forti, battendo i rivali di ben sette barche. Nel 1927 c’è un’altra sfida tra i due equipaggi, questa volta non per il primo, ma solo per il terzo posto: alla fine sono ancora una volta i due Scarpa ad avere la meglio. Saran e Panetti tornano alla vittoria nel 1928, precedendo di nuovo i rivali, per l’ultima volta insieme, nonché, poi, nel 1929. Dopo 4 vittorie in 5 anni, i due cugini decidono di dividersi. Panetti torna in Canal Grande nel 1931, in coppia con Pietro Ciampi. La sua non è una scelta felice: sfavorita anche dal sorteggio dei numeri d’acqua la coppia deve infatti accontentarsi di un deludente settimo posto. Panetti si ripresenta l’anno successivo con un compagno d’eccezione: il vecchio rivale Pippa. La loro partenza è buona: a metà bacino sono infatti quarti, ma poi perdono via via terreno e posizioni. Superati da un paio di imbarcazioni si ritirano poco dopo il giro del paleto. Panetti ci riprova, per l’ultima volta, nel 1933, in coppia questa volta con Vittorio D’Este Birra. E’ una regata all’insegna dell’equilibrio, con le prime cinque barche che arriveranno staccate di appena 8 secondi. Birra e Panetti sono quarti sino al paleto, quando vengono danneggiati, perdendo ben due posizioni e decidendo così di ritirarsi.



Fonte: Umberto Zane

Menù delle pagine secondarie

Comune di Venezia - Ufficio Stampa

Sponsor

Venezia Unica - tutta l'offerta di Venezia acquistabile online
Venezia UnicaLa Regata Storica è partner della campagna #EnjoyRespectVenezia
Progetto Promovenezia S.c.p.a. con il contributo della legge Regionale 33/2002
Logo Veneto Tra la terra e il cielo